in

La Camosciara: escursione di un giorno nel Parco Nazionale d’Abruzzo

Camosciara: escursione nel Parco Nazionale d'Abruzzo
Ti è piaciuto? Condividilo!

L’area protetta della Camosciara deve il suo nome alla folta popolazione di Camosci che qui abita. Nata come riserva di caccia reale, successivamente, costituì il primo nucleo attorno al quale si sviluppò il Parco Nazionale d’Abruzzo.

La Camosciara è un “anfiteatro naturale” formato da spettacolari pareti di roccia calcarea e dolomie. Per l’eccezionale valore naturalistico e per la straordinaria bellezza del paesaggio, la Camosciara è una delle località del Parco Nazionale d’Abruzzo più conosciute e amate dai turisti.

L’escursione alla Camosciara è una delle più belle da fare nel Parco Nazionale d’Abruzzo. E’ adatta anche agli escursionisti alle prime armi ed è l’ideale per trascorrere una giornata nel verde rigoglioso delle montagne abruzzesi.

Come raggiungere la Camosciara?

La Camosciara si trova lungo la strada che collega Pescasseroli e Villetta Barrea. Dalla strada principale sono visibili le indicazioni per il parcheggio della riserva (a pagamento).

Una volta parcheggiata la macchina nella zona a valle della Camosciara, si prosegue a piedi lungo una strada asfaltata (non accessibile alle auto) fino a raggiungere, in un’oretta circa di cammino, un piazzale (“Piazzale alto”).

Per chi volesse raggiungere la Camosciara a piedi, ci sono dei sentieri che la collegano sia a Civitella Alfedena che a Villetta Barrea. Da Villetta Barrea, subito dopo il ponte che porta a Civitella Alfedena, parte il sentiero H3 che attraversa il monte Decontra e prosegue sul sentiero C2 fino al Prato dei Molino, sulla strada della Camosciara. Da Civitella Alfedena puoi raggiungere la Camosciara a piedi con i sentieri I2 e G4 che, cingendo le pendici del monte Sterpi d’Alto, conducono al “Piazzale alto”.

Escursione alla Camosciara: sentieri in montagna tra boschi e cascate

Arrivato al piazzale della Camosciara avrai due opportunità: da qui si diramano due sentieri, entrambi abbastanza facili, ma di diversa durata. Il sentiero G6, più lungo e impegnativo, raggiunge il rifugio della Liscia a 1.437 metri. Vi si accede da un sentiero (ben segnalato) situato sulla destra del piazzale (guardando l’anfiteatro della Camosciara).

Camosciara: escursione nel Parco Nazionale d'AbruzzoCamosciara: escursione nel Parco Nazionale d'Abruzzo

Il sentiero G5, più semplice e adatto anche alle famiglie con bambini, segue un percorso suggestivo che, attraversando delle lussureggianti faggete, permette di raggiungere delle scenografiche cascate. Per completare il sentiero G5 occorrono circa 20 minuti, con soste dovute presso la Cascata delle Tre Cannelle e la Cascata delle Ninfe.

Camosciara: escursione nel Parco Nazionale d'AbruzzoCamosciara: escursione nel Parco Nazionale d'AbruzzoCamosciara: escursione nel Parco Nazionale d'Abruzzo

Per accedere al sentiero G5 bisogna attraversare un ponticello che conduce ad un percorso ben strutturato, delimitato da staccionate in legno e molto facile da seguire anche per gli escursionisti non esperti.

Camosciara: escursione nel Parco Nazionale d'Abruzzo Camosciara: escursione nel Parco Nazionale d'AbruzzoCamosciara: escursione nel Parco Nazionale d'AbruzzoCamosciara: escursione nel Parco Nazionale d'Abruzzo

Durante l’escursione, il panorama è sempre dominato dall’imponente profilo dell’anfiteatro della Camosciara, che offre una sicura (seppur impervia) dimora a numerosi Camosci d’Abruzzo, specie autoctona del Parco Nazionale.

Le pareti rocciose della Camosciara sono in tutto e per tutto simili a quelle che compongono le più famose Dolomiti. Il carattere impermeabile della roccia calcarea e dolomitica è la causa principale della formazione di cascate e salti, alimentati da torrenti e tumultuosi flussi d’acqua che dalle montagne scendono a valle.

Camosciara: escursione nel Parco Nazionale d'Abruzzo Camosciara: escursione nel Parco Nazionale d'Abruzzo Camosciara: escursione nel Parco Nazionale d'Abruzzo

La Camosciara offre uno spettacolo naturale unico, che certamente conquisterà sia gli adulti che i bambini. Il percorso che dal parcheggio a valle della Camosciara raggiunge il “Piazzale alto” è un piccolo “itinerario didattico” con informazioni sulle specie botaniche e sugli animali che vivono nel Parco Nazionale d’Abruzzo.

Camosciara: escursione nel Parco Nazionale d'Abruzzo

Nelle aree attrezzate della Camosciara si possono fare pic-nic e soste rigeneranti. Presso il “Piazzale alto” troverai panchine e tavolini per mangiare il pranzo al sacco, oltre a bar e negozietti di souvenir e cartoline.

Il piazzale della Camosciara, oltre che a piedi, può essere raggiunto con un trenino, in bicicletta o a cavallo (servizi a pagamento). Il parcheggio della Camosciara è a pagamento.

Camosciara: escursione nel Parco Nazionale d'Abruzzo

Ti è piaciuto? Condividilo!
Lucia D'Addezio

Written by Lucia D'Addezio

Viaggiatrice seriale, fotografa per passione e scrittrice compulsiva. Le cose che non mancano mai nella sua borsa sono: un fornito beauty case, la sua fedele macchina fotografica, carta e penna.

28 Comments

Leave a Reply
  1. Grazie Articoli bellissimi sei davvero brava sono un appassionato di fotografia e le trovo interessanti vorrei domandarti i cagnolini possono fare il sentiero della Camosciara

    • Ciao Alfredo e grazie per essere passato su Luoghidavedere.it 😉 Venendo alla tua domanda premetto che la Camosciara è riserva integrale quindi, almeno ufficialmente, credo che anche lì sia in vigore il divieto di condurre cani e altri animali domestici. Dico “ufficialmente” perché io stessa ho visto numerose famiglie e persone con cagnolini di tutte le taglie al seguito. Suppongo che siano abbastanza flessibili sul regolamento, a patto che i proprietari si comportino in maniera civile, educata e responsabile. Ti consiglio di chiedere all’ingresso in merito al regolamento, ma non penso che avrai problemi. Al massimo ti chiederanno di portare i cani al guinzaglio. Poi fammi sapere. Un saluto 🙂

  2. Grazie mille della risposta ci è stata utile come del resto tutte le info sul tuo sito.
    Alla Camosciara siamo stati ieri in un passaggio veloce e non abbiamo avuto problemi (anche in trenino) portare il nostro cucciolo quasi diciassettenne nel rispetto delle regole che tanti non rispettano, sia nel lasciare pulito perché tante volte ci capita di vedere come esempio gli Autogrill in queste vacanze e la colpa non è sicuramente degli Animali
    Grazie di tutto Alfredo

    • Concordo pienamente. I padroni incivili spesso sono la causa dei di divieti di condurre cani nei luoghi pubblici. Ovviamente a causa dell’inciviltà di una minoranza di padroni, tutti gli altri (e i cani) vengono puniti. E’ molto triste e ingiusto! 🙂 Sono comunque felice che abbiate potuto godere delle bellezze della Camosciara in compagnia del vostro “amico a 4 zampe”. Un caro saluto e alla prossima 🙂

    • Ciao Lorenzo, assolutamente sì. Considera che il G5 è davvero molto rapido da completare, si arriva alle cascate e si torna indietro sul medesimo sentiero. Fatto quello, puoi spostarti sul G6 che è un po’ più impegnativo, ma assolutamente fattibile nella stessa giornata del primo. Io li ho fatto entrambi in più di un’occasione, in varie stagioni dell’anno. Il paesaggio della Camosciara cambia a seconda della stagione e così anche la portata d’acqua dei corsi d’acqua e delle cascate. Non dovresti avere problemi a completare entrambi i percorsi in giornata se sei abituato a camminare in montagna. 😉

  3. Grazie della risposta.
    Un’ultima domanda, quanto dura più o meno il sentiero G6?? Perché ho letto che il G5 dura circa 20 minuti e noi vorremmo finire l’escursione in circa 3h.

    • Ciao Lorenzo, il sentiero G6 della Camosciara dura circa un’ora e mezza/2 ore. Dipende ovviamente dal vostro ritmo di camminata in montagna. Devo, però, specificare che devi considerare anche il tempo che vi occorre per raggiungere il piazzale da dove partono entrambi i sentieri. Come arriverete alla Camosciara? In auto? Se si, avete considerato che l’area di parcheggio più vicina si trova a valle e che dal parcheggio dovete poi raggiungere a piedi, a cavallo, in bicicletta o con il trenino turistico il piazzale da dove partono i sentieri G5 e G6? I tempi di percorrenza che trovi indicati nel mio post riguardano SOLO le due escursioni sui sentieri G5 e G6. Devi, quindi, aggiungere a questi anche il tempo di percorrenza dal parcheggio delle auto fino al piazzale dove imboccherete i sentieri. Chiedimi pure se ti serve sapere altro.

    • Ciao Paolo, il sentiero G6 della Camosciara non è lunghissimo ma è in pendenza e, quindi, abbastanza intenso. La durata dipende molto dal livello di preparazione fisica. A differenza del sentiero che conduce alle cascate, adatto a tutti, breve e semplice da percorrere anche senza preparazione finisca, il sentiero G6 è di “difficoltà E”, cioè adatto agli escursionisti. Il tempo di percorrenza che ho indicato, cioè un’ora e mezza/due ore, è quello complessivo (andata e ritorno). Un’ora circa per salire e un po’ meno per tornare al piazzale. Al ritorno si scende, per ovvie ragioni, molto più velocemente. E’ un bel percorso, con affascinanti vedute panoramiche e tanti punti meritevoli di una piccola sosta, quindi tenete in considerazione anche qualche pausa intermedia per ammirare la natura e i panorami circostanti. 🙂

18 Pings & Trackbacks

  1. Pingback:

  2. Pingback:

  3. Pingback:

  4. Pingback:

  5. Pingback:

  6. Pingback:

  7. Pingback:

  8. Pingback:

  9. Pingback:

  10. Pingback:

  11. Pingback:

  12. Pingback:

  13. Pingback:

  14. Pingback:

  15. Pingback:

  16. Pingback:

  17. Pingback:

  18. Pingback:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Opi: cosa fare e vedere nel Parco Nazionale d'Abruzzo

Opi: il borgo medievale panoramico tra i monti del Parco Nazionale d’Abruzzo

Luoghi da vedere in Abruzzo - Travel blogger tour

#luoghidabruzzo: i 14 giorni di una travel blogger in giro per l’Abruzzo