in

Visitare le Cinque Terre in treno in un giorno con la Cinque Terre Card

Visitare i borghi delle Cinque Terre in 1 giorno con il treno e la Cinque Terre Card

Vi spiego come visitare in un giorno tutti i borghi delle Cinque Terre (Riomaggiore, Manarola, Corniglia, Vernazza e Monterosso) usando il treno e la Cinque Terre Card.

Come già vi ho raccontato sul blog, ho trascorso un bellissimo weekend benessere nelle Cinque Terre.

Ho scelto di pernottare a Levanto, presso il Park Hotel Argento, perché è la base ideale per visitare le Cinque Terre in treno.

Vi sconsiglio di usare la macchina: il treno è comodo, le corse sono frequenti e comprando la Cinque Terre Card potete saire e scendere in tutte le stazioni per un numero illimitato di volte all’interno della giornata di validità della carta.

Visitare le Cinque Terre in un giorno in treno

Cos’è la Cinque Terre Card? Come funziona? Conviene?

Mi è stato consigliato in hotel di acquistare la Cinque Terre Card per visitare i borghi di questo tratto di costa ligure in treno: ho seguito il consiglio e non me ne sono pentita. Avendo solo un giorno a disposizione, ho acquistato la Cinque Terre Card (24 ore), ma sappiate che ne esiste anche una valida due giorni.

La Cinque Terre Card è una sorta di biglietto del treno giornaliero: costa 16 Euro a persona e, una volta vidimato (ricordatevi di farlo!), vi permetterà di salire e scendere dal treno in tutte le stazioni presenti nella tratta ferroviaria Levanto-La Spezia, che comprende anche i 5 borghi delle Cinque Terre.

Visitare i borghi delle Cinque Terre in 1 giorno con il treno e la Cinque Terre Card
Cinque Terre Card: partiamo!

Partendo dalla stazione di Levanto, io sono riuscita a visitare in un giorno tutti i borghi delle Cinque Terre, semplicemente usando il treno. Le corse sono molto frequenti e quasi tutti i turisti optano per la Cinque Terre Card piuttosto che pagare i biglietti singoli del treno.

La Cinque Terre Card può essere acquistata direttamente in stazione e, oltre all’accesso illimitato alle corse del treno, comprende altre scontistiche e attività gratuite (accesso al Parco delle Cinque Terre, laboratori e visite guidate, ingresso con tariffa ridotta ai Musei Civici della Spezia, etc.). Noi ci siamo concentrati sui borghi delle Cinque Terre e non abbiamo avuto molto tempo da dedicare ad altre attività, purtroppo.

Considerate che tutti i borghi delle Cinque Terre hanno la stazione dei treni vicinissima al centro storico: arrivati in stazione, potete spostarvi a piedi e visitare i borghi senza fare troppa fatica e senza stress, dato che le corse del treno sono frequenti e se ne perdete uno, potete tranquillamente attendere il successivo.

L’unica eccezione è il borgo di Corniglia: è arroccato su un promontorio e, per raggiungere il centro storico, bisogna attendere in stazione la navetta (gratuita con la Cinque Terre Card).

Se volete visitare tutti i borghi delle Cinque Terre in un giorno, vi consiglio di stampare gli orari dei treni, in modo da organizzare le visite turistiche in maniera comoda ed efficiente. Evitando, così, di perdere tempo prezioso ad attendere il treno in stazione.

E’ possibile visitare i borghi delle Cinque Terre in un giorno in treno?

Partendo da Levanto, io ho organizzato il mio itinerario per visitare le Cinque Terre in un giorno nel seguente modo:

Ho acquistato la Cinque Terre Card presso la stazione di Levanto.

Da Levanto ho raggiunto l’ultimo borgo delle Cinque Terre, Riomaggiore.

Da Riomaggiore, con il treno, sono tornata indietro verso Levanto scendendo in tutte le stazioni intermedie.

Ho, quindi, visitato i borghi delle Cinque Terre in quest’ordine:

  1. Riomaggiore;
  2. Manarola;
  3. Corniglia;
  4. Vernazza (dove ho pranzato);
  5. Monterosso al Mare;

Da Monterosso, ho ripreso il treno e sono tornata a Levanto, dove pernottavo.

Visitare le Cinque Terre in treno in un giorno: ITINERARIO

1. Riomaggiore

Partiamo da Levanto di buon mattino: la stazione ferroviaria è a 10 minuti a piedi dal nostro hotel. Acquistata la Cinque Terre Card e carichi di entusiasmo, partiamo alla scoperta delle Cinque Terre in treno.

Saliamo sul treno (direzione La Spezia) e, superati tutti i borghi delle Cinque Terre, scendiamo nell’ultimo, Riomaggiore, con l’intento, poi, di visitare gli altri paesini tornando indietro sulla medesima tratta.

Weekend di relax e benessere nelle Cinque Terre: dove dormire e cosa vedere
Riomaggiore (Cinque Terre)

Il primo borgo che visitiamo nelle Cinque Terre è, secondo me, il più bello di tutti. Casette colorate, scogliere modellate dal vento, scorci sul mare di una bellezza indescrivibile, vicoletti labirintici, un porticciolo incantevole e tanti percorsi pedonali dove passeggiare.

A Riomaggiore si trova anche la famosa Via dell’Amore (purtroppo noi l’abbiamo trovata chiusa a causa di una frana), che congiunge il borgo a Manarola.

Il borgo di Riomaggiore fu costruito attorno al VII secolo: è in tipico stile ligure, con il centro storico costituito da case-torre su più piani, addossate le une alle altre. Riomaggiore costituisce l’estremità orientale delle Cinque Terre.

2. Manarola

Da Riomaggiore saliamo di nuovo sul treno (direzione Levanto) e scendiamo alla prima stazione: Manarola. Il borghetto di Manarola, simile nello stile e nei colori a Riomaggiore, ha, però, una sua personalissima identità.

Visitare i borghi delle Cinque Terre in 1 giorno con il treno e la Cinque Terre Card
Manarola (Cinque Terre)
Weekend di relax e benessere nelle Cinque Terre: dove dormire e cosa vedere
Manarola (Cinque Terre)

L’antico castello, che ai tempi delle incursioni saracene proteggeva il borgo, oggi è privato, ma ben riconoscibile nella sua struttura.

Passeggiamo senza meta per Manarola, fermandoci di tanto in tanto ad ammirare il panorama. Particolarmente pittoresco è l’ultimo tratto di Via Belvedere, una “terrazza” panoramica a picco sul mare. Altro punto panoramico d’eccellenza per apprezzare la bellezza di Manarola è Punta Bonfiglio, nei pressi del piccolo cimitero del paesino.

3. Corniglia

Lasciatoci alle spalle il borgo di Manarola, in treno raggiungiamo la stazione successiva: Corniglia.

Corniglia è l’unico paese delle Cinque Terre a non avere la stazione ferroviaria vicino al centro storico. Per salire sul promontorio dove è adagiato il tranquillo borghetto ligure bisogna prendere una navetta che, in pochi minuti, vi condurrà in centro.

Visitare i borghi delle Cinque Terre in 1 giorno con il treno e la Cinque Terre Card
Corniglia (Cinque Terre)
Visitare i borghi delle Cinque Terre in 1 giorno con il treno e la Cinque Terre Card
Corniglia (Cinque Terre)

Corniglia è un paese piccolissimo, circondato da verdi terrazzamenti e aree coltivate. Qui regnano pace e silenzio ed è, probabilmente, il borgo meno affollato delle Cinque Terre.

La navetta per andare a Corniglia è gratuita con la Cinque Terre Card.

4. Vernazza

Da Corniglia prendiamo di nuovo il treno e raggiungiamo Vernazza, uno dei borghi più belli e famosi delle Cinque Terre.

Vernazza è situato in una posizione panoramica privilegiata, incastonato nella sinuosa baia che abbraccia il tratto di mare che va da Monterosso a Riomaggiore. Tutt’intorno ci sono boschi, sentieri e aree terrazzate, caratteristica tipica di tutto il territorio delle Cinque Terre.

Visitare i borghi delle Cinque Terre in 1 giorno con il treno e la Cinque Terre Card
Vernazza (Cinque Terre)
Visitare i borghi delle Cinque Terre in 1 giorno con il treno e la Cinque Terre Card
Vernazza (Cinque Terre)
Visitare i borghi delle Cinque Terre in 1 giorno con il treno e la Cinque Terre Card
Vernazza (Cinque Terre)

Passeggiando per il centro storico di Vernazza, per caso passiamo vicino ad una specie di grotta. Notiamo che si tratta di un passaggio. Incuriositi ci avviciniamo: quella che a noi sembrava una grotta in realtà è aperta sul retro e conduce su una bellissima spiaggia. Qui ci fermiamo per qualche minuto a guardare le onde e la scogliera, concedendoci un po’ di relax al caldo sole primaverile delle Cinque Terre.

A Vernazza, dopo tanto camminare, decidiamo di fermarci una mezz’oretta per pranzare in tranquillità. Prima facciamo un “aperitivo” con un cono frittura di pesce e verdure in pastella: li vendono dovunque e sono assolutamente da provare! Poi sostiamo per pranzo al Lunchbox, dove abbiamo avuto il piacere di assaggiare una buonissima focaccia ligure, che può essere farcita a piacere. Il Lunchbox offre pasti veloci, gustosi ed economici!

Visitare i borghi delle Cinque Terre in 1 giorno con il treno e la Cinque Terre Card
Focaccia ligure @Luchbox (Cinque Terre)
Visitare i borghi delle Cinque Terre in 1 giorno con il treno e la Cinque Terre Card
Focaccia ligure @Luchbox (Cinque Terre)

5. Monterosso al Mare

L’ultima tappa del nostro itinerario in treno nelle Cinque Terre è stata Monterosso al Mare.

Monterosso è il borgo più occidentale delle Cinque Terre. Il centro storico si trova al di là della galleria che passa sotto allo sperone roccioso che ospita Torre Aurora.

La stazione ferroviaria, invece, è a Fegina, la parte più recente e moderna del paese. Usciti dalla stazione ferroviaria ci troviamo subito di fronte il mare e un piccolo golfo. Dall’acqua spunta fuori un enorme scoglio scuro, sul quale qualche turista trova il coraggio di salire per scattare qualche foto.

La zona di Monterosso è famosa per la presenza di terrazzamenti a limoni, ulivi e viti. Qui si produce un vino pregiato, un bianco passito chiamato Sciacchetrà.

Ci incamminiamo verso Torre Aurora, superiamo la galleria a piedi e raggiungiamo il centro storico di Monterosso, affacciato su una tranquilla baia. Facciamo una passeggiata per il borgo, senza meta, lasciandoci guidare dal caso.

Visitare i borghi delle Cinque Terre in 1 giorno con il treno e la Cinque Terre Card
Monterosso al Mare (Cinque Terre)
Visitare i borghi delle Cinque Terre in 1 giorno con il treno e la Cinque Terre Card
Monterosso al Mare (Cinque Terre)

Indugiamo qualche minuto ad osservare il panorama, a guardare il mare e il porticciolo, prima di ripartire in direzione Levanto e salutare le Cinque Terre, dopo una intensa giornata alla scoperta di questo angolo incantato di Liguria.

Per approfondire GUARDA IL VIDEO: i borghi più belli delle Cinque Terre

Ti è piaciuto? Condividilo!

Written by Lucia D'Addezio

Viaggiatrice seriale, fotografa per passione e scrittrice compulsiva. Le cose che non mancano mai nella sua borsa sono: un fornito beauty case, la sua fedele macchina fotografica, carta e penna.

6 Comments

Leave a Reply
  1. Consiglio una diversa strategia pe spendere meno della metà. Partendo per Levanto basta fare un biglietto per La Spezia e ritorno al prezzo di 6,80 euro. Avrà la validità di 4 ore dalla timbratura, più che sufficienti per visitare due borghi ed avere tempo di spostarsi nel terzo. Una volta finito di visitare il terzo borgo (consiglio di scegliere quello prescelto per il pranzo) basterà timbrare il secondo biglietto, quello del ritorno, per avere a disposizione altre 4 ore. Se si vuole proprio cenare magari a Monterosso basta comprare due biglietti per il ritorno, per un totale di 10,20 euro, sempre molto meno della poco onesta Cinque Terre Card. Mi raccomando di NON comprare i biglietti nelle stazioni delle 5 terre, perchè vengono venduti solo biglietti “speciali” che di speciale hanno la validità di soli 75 minuti.

    Buona visita a prezzi onesti 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.