in

19 cose da vedere a Odense in Danimarca

19 cose da vedere a Odense in Danimarca

COSA VEDERE A ODENSE. Itinerario completo per visitare Odense, tra le città più belle della Danimarca, luogo natale dello scrittore H.C. Andersen.

Odense è la terza città più grande della Danimarca dopo Copenaghen e Aarhus. Famosa per essere la città natale di Hans Christian Andersen, celeberrimo scrittore danese autore della Sirenetta e del Brutto Anatroccolo, Odense è una delle mete turistiche più visitate del Paese.

Le cose da fare e vedere a Odense sono numerose. La città è molto antica e pervasa dalle tipiche atmosfere nordiche che tanto piacciono ai turisti stranieri. Il suo centro storico è un piccolo gioiello architettonico caratterizzato dalla presenza di pittoresche stradine acciottolate e file di casette a schiera color pastello. A Odense ci sono diversi musei interessanti, primo tra tutti il museo dedicato ad H.C. Andersen, che attrae in città migliaia di turisti ogni anno. Insomma, le buone ragioni per aggiungere Odense tra le tappe del tuo itinerario in Danimarca sono numerose.

Scopriamo insieme quali sono le 19 cose più importanti da vedere a Odense durante una visita in città.

1. Oluf Bagers Mødrene Gård

La prima tappa obbligata di un itinerario di visita a Odense è la Casa natale di Hans Christian Andersen, principale attrazioni turistica della città. Prima di raggiungerla, però, fai una veloce tappa al civico 29 di Nørregade, a 2 minuti a piedi dal quartiere storico di Odense che ospita anche la Casa natale di Andersen. Qui potrai vedere la Oluf Bagers Mødrene Gård, una delle case a graticcio più antiche di Odense, costruita nel 1586 su commissione del ricco imprenditore e commerciante danese Oluf Bager.

Seppur rimaneggiato e ristrutturato più volte nel corso dei secoli, lo storico edificio di Nørregade è ottimamente preservato nel suo aspetto originario. A guardare questa casa storica che sembra portare addosso tutto il peso del suo passato viene spontaneo domandarsi come faccia a stare ancora in piedi. Le vecchie travi piegate dal tempo, il disegno del graticcio non più lineare e la struttura dall’apparenza decadente rendono l’Oluf Bagers Mødrene Gård ancor più affascinante, almeno a mio parere.

Oluf Bagers Mødrene Gård, Odense (Danimarca)
Oluf Bagers Mødrene Gård, Odense (Danimarca)

2. Casa natale di H.C. Andersen

Iniziamo la visita a Odense dal luogo più conosciuto e fotografato della città, la Casa natale dello scrittore danese Hans Christian Andersen. Questa anonima casetta dalle pareti esterne di colore giallo senape ha fatto da cornice ai primi anni di vita dell’autore della Sirenetta e della Principessa sul pisello. Proprio qui nel 1805 nacque Andersen.

Oggi la Casa natale di H.C. Andersen è stata trasformata in un museo dedicato alla vita e alle opere letterarie dello scrittore danese. Si tratta di uno dei musei letterari più antichi del mondo.

Casa natale di H.C. Andersen, Odense (Danimarca)
Casa natale di H.C. Andersen, Odense (Danimarca)

3. Nuova Casa Museo H.C. Andersen

In origine il Museo di H.C. Andersen era organizzato in maniera diversa e il percorso espositivo era di dimensione più ridotta rispetto ad oggi. Nell’estate 2021 è stato inaugurato un nuovo e più grande museo interattivo che ha dato vita alla Nuova Casa-museo di Hans Christian Andersen, progettata dallo studio di architettura giapponese Kengo Kuma&Associates.

Il design dell’edificio è ispirato alle atmosfere delle fiabe di H.C. Andersen, in particolare alla favola dell’Acciarino magico. Proprio come accade nella fiaba, al di sotto dell’edificio che ospita il museo dedicato ad H.C. Andersen si cela un mondo dove realtà e magia si incontrano. Il percorso museale all’interno della Nuova Casa-museo di Hans Christian Andersen è interattivo e partecipativo. Il visitatore viene accompagnato da un’audioguida in un emozionante viaggio all’interno delle favole di Andersen. La visita culmina nell’adiacente giardino, una delle aree più suggestive di tutto il museo.

4. Quartiere storico di Odense

La Casa natale di H.C. Andersen è inserita in un contesto che amplificherà nei visitatori la sensazione di trovarsi all’interno di una favola nordica. Ci troviamo nel quartiere storico di Odense, un labirinto di stradine acciottolate e file infinite di casette con le facciate color pastello.

Questa zona rappresenta il cuore storico di Odense e qui potrai vedere alcune delle abitazioni più antiche della città, risalenti al periodo medievale e in perfetto stato di conservazione. Le strade principali del quartiere storico di Odense sono Overgade e Nedergade. Esplora i vicoli e le stradine del quartiere in libertà, perdendoti tra le fiabesche casette gialle, rosa e azzurre alternate di tanto in tanto ad antichissime case a graticcio.

5. Statue delle fiabe di H.C. Andersen

Passeggiando per il centro storico di Odense ti imbatterai in diverse statue e sculture che raffigurano Andersen o i personaggi delle sue fiabe più belle. Le sculture più famose sono le seguenti:

  • H.C. Andersen sulla panchina di Jens Galschiøt (Claus Bergs Gade, 7). A pochi passi dalla Casa natale di Andersen, la scultura ritrae lo scrittore seduto su una panchina. È ormai tradizione consolidata per i turisti scattarsi una foto-ricordo seduti sulla panchina accanto allo scrittore.
  • Pollicina di Lotte Olsen (Claus Bergs Gade, 7). La scultura si trova a breve distanza dalla statua di H.C. Andersen sulla panchina ed è ispirata all’omonima fiaba dello scrittore danese.
  • Il soldatino di stagno di Eiler Madsen (Overgade, 19). La statua del soldato con una sola gamba fa riferimento alla fiaba di Andersen che narra la storia d’amore di due giocattoli, un soldatino di stagno e una ballerina di carta. La presenza del carrellino sotto ai piedi del soldato enfatizza il riferimento alla non realisticità del ritratto, presentato come un giocattolo e non come un vero soldato.
  • La Trinità di Bjørn Nørgaard (Banegårdspladsen). Questa scultura è un metaforico ritratto di H.C. Andersen. Lo scrittore viene rappresentato come tre personaggi distinti ma intrecciati l’uno con l’altro in una ipnotica spirale. Tutt’intorno alla “trinità” lo scultore ha disposto alcuni dei personaggi più famosi delle fiabe di Andersen.
  • I cigni selvatici di Hugo Liisbjerg (Parco Munke Mose). La scultura raffigura 11 cigni che trasportano una ragazza ed è ispirata all’omonima fiaba di Andersen. La favola è la riscrittura di una fiaba popolare danese intitolata De elleve Svaner.
  • La Barca di Carta di Erik Heide (Eventyrhaven). Si tratta della scultura di una barca di carta che sembra galleggiare nel laghetto del Giardino delle fiabe situato a pochi passi dalla Cattedrale di Odense. Il riferimento è a un passaggio della fiaba del Soldatino di stagno in cui il giocattolo viene messo in una barchetta di carta di giornale e spinto in mare.

A Odense ogni strada, ogni piazzetta, ogni corte e ogni parco parla di Hans Christian Andersen e delle sue opere. In città si tengono durante tutto l’anno manifestazioni ed eventi ispirati alle fiabe di Andersen o dedicati allo scrittore e in tutta la città troverai “tracce” dello smisurato amore che gli abitanti di Odense hanno per H.C. Andersen. Dalle statue ai murales, dai cartelloni pubblicitari alle insegne dei negozi, dai tombini alle luminarie natalizie, a Odense tutto ma proprio tutto “racconta” un pezzettino della vita di Andersen o delle sue fiabe.

6. Museo Møntergården

Alcune abitazioni storiche di Odense si trovano nella loro collocazione originale mentre altre sono state ricostruite all’interno del Museo Møntergården, il Museo cittadino di Odense e della Fionia, visitabile al civico 48 di Overgade.

Il museo è ampio e articolato in diverse sezioni. Oltre a poter passeggiare tra corti e case storiche risalenti al XV-XVII secolo, all’interno del Museo Møntergården potrai compiere un viaggio nella storia della Fionia e di Odense. Una sala è dedicata ai resti dell’Uomo di Koelbjerg (8.300 a.C.), la mummia di palude più antica del mondo. Ci sono, inoltre, alcune aree del museo interamente dedicate ai bambini dai 4 agli 11 anni.

7. Chiesa di Sant’Albano

La tappa successiva dell’itinerario a Odense si trova a breve distanza a piedi dalla Casa di H.C. Andersen e dal quartiere storico di Odense. Ci dirigiamo verso la Chiesa di Sant’Albano, chiesa parrocchiale cattolica romana di Odense, consacrata nel 1908. In stile neogotico, la Sankt Albani Kirke svetta al di sopra degli edifici circostanti con la sua slanciata e inconfondibile silhouette.

Dopo una veloce sosta al cospetto della Chiesa di Sant’Albano raggiungiamo una delle cose più importanti da vedere a Odense, la Cattedrale della città.

Chiesa di Sant'Albano, Odense (Danimarca)
Chiesa di Sant’Albano, Odense (Danimarca)

8. Cattedrale di Odense

La Cattedrale di San Canuto (Odense Domkirke) è una chiesa luterana intitolata al re danese Canuto IV di Danimarca (detto Knud den Hellige, “Canuto il Santo”). Nonostante abbia subìto vari rimaneggiamenti, la Cattedrale di Odense ancora conserva alcune parti originali del XI secolo, in particolare frammenti della pavimentazione ancora visibili nella cripta. L’edificio attuale, in stile gotico, è databile al XIII-XIV secolo.

Canuto IV regnò sulla Danimarca dal 1080 al 1086, anno in cui il sovrano in odore di santità venne assassinato durante una violenta ribellione in una chiesa in legno dedicata a Sant’Albano che si trovava a est dell’attuale Odense Domkirke. La Cattedrale di San Canuto venne eretta in suo onore e Canuto IV venne dichiarato santo nel 1101. Il Re Santo venne seppellito all’interno dell’edificio che in poco tempo divenne una importante meta di pellegrinaggio. Oggi la Cattedrale di San Canuto è una delle chiese gotiche più importanti e visitate della Danimarca.

Cattedrale di San Canuto, Odense (Danimarca)
Cattedrale di San Canuto, Odense (Danimarca)

9. Giardino delle fiabe di Andersen

Una delle cose da vedere a Odense si trova dietro alla Cattedrale cittadina. Sei pronto a entrare nel “Giardino delle fiabe” di H.C. Andersen?

Nella zona retrostante alla Cattedrale di San Canuto si trova un parco pubblico a libero accesso chiamato Giardino delle fiabe (in Danese, Eventyrhaven), con aiuole fiorite, laghetti, ponticelli, alberi e ampie aree di prato dove trascorrere qualche ora all’aria aperta. Il parco accoglie sculture e opere d’arte dedicate ad H.C. Andersen e alle sue favole più belle. Nel Giardino delle fiabe campeggia una statua in bronzo di Andersen molto famosa, realizzata dall’artista Louis Hasselriis e qui posizionata nel 1949.

Eventyrhaven, Odense (Danimarca)
Eventyrhaven, Odense (Danimarca)

10. Casa dell’infanzia di H.C. Andersen

A pochi passi dal Giardino delle fiabe, in Munkemøllestræde, puoi visitare la Casa dell’infanzia di H.C. Andersen, oggi trasformata in un piccolo museo.

In questa casetta in graticcio giallo e nero lo scrittore danese visse da quando aveva 2 anni fino al compimento dei suoi 14 anni. Se vuoi visitare all’interno la Casa dell’infanzia di H.C. Andersen ti farà piacere sapere che l’ingresso è gratuito per chi è in possesso del biglietto della Casa natale di Hans Christian Andersen.

Casa dell’infanzia di H.C. Andersen, Odense (Danimarca)
Casa dell’infanzia di H.C. Andersen, Odense (Danimarca)

11. Piazza Flakhaven e Municipio di Odense

Procediamo con l’itinerario di visita a Odense spostandoci nel centro città dove si trovano le principali vie dello shopping e diverse attrazioni e monumenti interessanti da aggiungere alla lista delle cose da vedere a Odense.

A breve distanza dalla Cattedrale di San Canuto si trova Piazza Flakhaven, una delle piazze più importanti di Odense. La Piazza Flakhaven è abbellita con due sculture artistiche, Oceania di Svend Wiig Hansen e Flakhaven di Robert Jacobsen, non di rado utilizzate dai bambini per compiere epiche scalate, per scivolare o per arrampicarsi.

Sulla Piazza Flakhaven si affaccia il Palazzo del Municipio (Odense Rådhus), costruito nel 1883 su progetto degli architetti Johan Daniel Herholdt e Carl Lendorf. L’edificio originale ottocentesco, magistrale combinazione di elementi gotici e rinascimentali, venne successivamente modificato negli anni ’40 del Novecento e nuovamente inaugurato nel 1955 in occasione delle celebrazioni del 150esimo compleanno di H.C. Andersen.

12. Vestergade e centro città

Durante una visita a Odense è praticamente obbligatoria una passeggiata in Vestergade, lunga strada del centro città costellata di negozi, boutique, bar e ristoranti. Vestergade è una delle più frequentate vie dello shopping della Danimarca ed è l’equivalente a Odense dello Strøget di Copenaghen.

Assolutamente da non perdere in Vestergade, se non altro per immergersi nella più autentica routine di shopping dei Danesi, il Magasin di Odense. Troverai i Magasin praticamente in tutte le principali città danesi: si tratta di una amatissima catena danese di grandi magazzini dove ci si reca per fare shopping o semplicemente fare un giro nei negozi.

Il centro di Odense è letteralmente invaso dalle biciclette, mezzo di trasporto con il quale i Danesi vivono in simbiosi. In corrispondenza di alcuni varchi cittadini molto trafficati c’è addirittura il conta-ciclisti! La massiccia presenza di biciclette e ciclisti nelle strade è una delle caratteristiche più distintive delle città danesi. Io adoro fotografare le bici quando sono in Danimarca e la filosofia del Cycle chic mi ha conquistata (se non sai di cosa si tratta, leggi queste curiosità sulla Danimarca).

13. Museo d’Arte Brandts

Se ami l’arte non puoi perdere il Kunstmuseum Brandts (Museo d’Arte Brandts), ospitato all’interno del Brandts Klædefabrik, moderno e polifunzionale centro culturale. Il Museo d’Arte Brandts di Odense è stato allestito all’interno di una vecchia fabbrica caduta in disuso e vanta una ragguardevole collezione di dipinti, sculture e fotografie. Oltre a vedere la mostra permanente con opere che coprono 250 anni di storia dell’arte danese e internazionale, nel Kunstmuseum Brandts potrai partecipare durante tutto l’anno a eventi e mostre temporanee.

Kunstmuseum Brandts, Odense (Danimarca)
Kunstmuseum Brandts, Odense (Danimarca)

14. Museo ferroviario di Odense

Il Museo ferroviario di Odense (Danmarks Jernbanemuseum) è senza dubbio una delle cose da vedere a Odense. È un museo insolito e stimolante, interamente dedicato ai treni e alle ferrovie.

Con i suoi 10.000 metri quadrati di esposizione, il Danmarks Jernbanemuseum è il più grande museo del suo genere della Scandinavia. Le famiglie che viaggiano con bambini al seguito lo apprezzeranno di certo, soprattutto per la presenza di attività e giochi pensati proprio per il divertimento dei più piccoli. 

15. Storms Pakhus

Arriviamo a un consiglio culinario che farà la gioia degli appassionati di street food e di chi vuole degustare la gastronomia locale. Uno dei luoghi da non perdere se cerchi un posto particolare dove mangiare a Odense è lo Storms Pakhus.

Lo Storms Pakhus, mecca dello street food a Odense, è stato allestito all’interno di un vecchio deposito di metà Novecento utilizzato prima per immagazzinare legname e successivamente per stipare grandi imballaggi. Dopo una lunga opera di riqualificazione, lo Storms Pakhus oggi ospita numerosi stand di street food e ampi spazi con tavoli e sedute. Qui si viene per mangiare il migliore cibo di strada di Odense e per trascorrere qualche ora con la famiglia o con gli amici in un’atmosfera allegra e informale.

16. Porto di Odense e Odense Havnebad

Anche se la città natale di H.C. Andersen non si trova direttamente sul mare ha l’accesso al mare dal Fiordo di Odense. Durante il tuo itinerario a Odense non puoi non visitare il porto della città. C’è un porto a Odense? Ebbene sì! Il vecchio porto industriale di Odense, costruito nel XIX secolo, è oggi una delle zone più vivace e affascinanti della città. Oltre a moderni edifici residenziali, il Porto di Odense ospita locali, caffetterie, ristoranti e impianti sportivi.

In questa zona di Odense devi vedere in particolare due attrazioni: la Nordatlantisk Hus e l’Odense Havnebad.

  • La Nordatlantisk Hus è un centro culturale dedicato alla divulgazione di tradizioni, arte e cultura dei Paesi del Nord Atlantico.
  • L’Odense Havnebad è un centro sportivo attrezzato con saune e piscina sul porto, aperto tutto l’anno e in grado di ospitare fino a 300 persone. L’ingresso all’Odense Havnebad è gratuito quindi perché non approfittare della visita a Odense per vivere questa esperienza? Mi raccomando, prima di recarti alll’Odense Havnebad verifica gli orari di apertura della struttura, che variano a seconda del periodo dell’anno.
Odense Havnebad, Odense (Danimarca)
Odense Havnebad, Odense (Danimarca)

17. Parco Munke Mose

Cosa vedere a Odense? Ovviamente il Parco Munke Mose! Il Parco Munke Mose è uno dei parchi pubblici di Odense più amati dagli abitanti del posto. I “locali” lo chiamano semplicemente “Mosen” e non c’è abitante di Odense che non lo frequenta sin da quando era bambino.

Al Parco Munke Mose si va per trascorrere piacevoli ore all’aria aperta, fare un pic-nic con gli amici, divertirsi con i bambini e passeggiare tra sentieri alberati, laghetti e sculture artistiche. Nel Parco Munke Mose c’è un grande parco giochi per i bimbi, un laghetto sul quale si può navigare noleggiando le apposite imbarcazioni turistiche e tanti sentieri per dedicarsi alle passeggiate.

18. Den Fynske Landsby

Tra le cose da vedere nei dintorni di Odense non può mancare Den Fynske Landsby, letteralmente “l’antico villaggio della Fionia” anche noto con il nome inglese di The Funen Village. Dem Fynske Landsby si trova a 10 minuti dal centro di Odense (Sejerskovvej, 20) ed è facilmente raggiungibile in auto essendo servito da un ampio parcheggio.

Den Fynske Landsby è un museo en plein air inaugurato nel 1946 allo scopo di preservare il paesaggio culturale rurale dell’antica Fionia e di far scoprire alle generazioni future come si viveva sull’isola di Fyn prima dell’avvento della modernità, tra il XVIII e il XIX secolo.

Questa perfetta ricostruzione di un antico villaggio della Fionia permette ai visitatori di entrare dentro la storia danese e vedere dal vivo come si viveva in quest’area della Danimarca nel XVIII-XIX secolo. Le famiglie abitavano tipicamente in fattorie a graticcio dove si lavoravano i campi e si allevavano gli animali in modo da garantire la sussistenza del nucleo familiare. I villaggi rurali comprendevano i servizi principali necessari alla comunità, come la scuola, il mulino, un piccolo ospedale e la prigione.

Non di rado la visita a Den Fynske Landsby è resa ancor più realistica dalla presenza di figuranti in costume e animali da cortile. A me è piaciuto molto visitare Den Fynske Landsby e lo consiglio senza alcun indugio sia agli adulti che alle famiglie con bambini. Chi ha la fortuna di visitare l’antico villaggio della Fionia in una bella giornata di sole lo apprezzerà ancora di più!

Per approfondire Den Fynske Landsby a Odense: un viaggio indietro nel tempo nella Danimarca del XIX secolo

19. Castello di Egeskov

Vuoi visitare un vero castello delle fiabe a mezz’ora da Odense? Sali in auto e raggiungi Egeskov Slot, uno dei castelli più belli della Danimarca. Chi visita Odense non può rinunciare ad andare anche al Castello di Egeskov, una meraviglia architettonica che ti lascerà letteralmente senza fiato per la sua bellezza fiabesca.

Nato come dimora padronale di campagna, Egeskov Slot venne fortificato nel 1554 per volere del ricco e potente nobile Frands Brockenhuus. Lo stile architettonico dell’edificio è un connubio di elementi gotici e rinascimentali. Il castello è ancora oggi protetto da un fossato colmo di acqua ed è circondato da giardini settecenteschi ispirati a quelli della Reggia di Versailles. Il Castello di Egeskov è uno dei manieri rinascimentali meglio conservati del Nord Europa.

Il castello è facilmente raggiungibile dal centro di Odense e nei pressi dell’ingresso è a disposizione dei visitatori un comodo e ampio parcheggio.

Per approfondire Castello di Egeskov in Danimarca: cosa vedere vicino a Odense

Cosa mangiare a Odense?

Tra i piatti tipici danesi da provare durante una visita a Odense segna in lista:

  • lo Smørrebrød, un panino aperto farcito con ogni immaginabile prelibatezza che si è guadagnato il titolo di pietanza tipica danese per eccellenza;
  • lo Stegt flæsk, fette di lombo di maiale croccanti servite con patate lesse e salsa al prezzemolo;
  • la Brunsviger, una specie di focaccia dolce tipica dell’isola di Fyn (Fionia) che H.C. Andersen in persona adorava mangiare;
  • il Marzapane, prodotto tipico proprio della città di Odense, che qui viene ancora prodotto da aziende storiche come la Odense Marcipan, attiva dal 1909.

Cosa comprare a Odense?

Se vuoi portare a casa un souvenir o acquistare qualcosa di tipico durante la tua visita in città, ecco alcuni consigli su cosa comprare a Odense.

Fai un salto al Magasin, nota catena di grandi magazzini danesi presente anche a Odense, e lasciati ispirare dagli innumerevoli prodotti in vendita. Ce n’è davvero per tutti i gusti e tutte le tasche! I Danesi adorano andare al Magasin così come adorano acquistare i LEGO e giocare con gli iconici mattoncini colorati. Come idea regalo i set LEGO sono sempre una buona idea! Li consiglio anche come souvenir del viaggio in Danimarca perché non esiste nulla di più tipico e simbolico.

Altri due brand danesi che ti offriranno numerosi spunti per idee regalo e souvenir sono Georg Jensen, uno dei marchi più prestigiosi del design danese, e Royal Copenhagen, azienda danese leader nella produzione di porcellana.

Se ami i prodotti dolciari non puoi non acquistare il Marzapane della Odense Marcipan oppure i tipici biscotti al burro della pasticceria danese.

Dove dormire a Odense?

Se cerchi un posto dove dormire in centro a Odense, in una posizione comodissima per vedere le principali attrazioni della città, non posso che consigliare il First Hotel Grand.

Se cerchi una soluzione più economica rispetto al classico hotel, in molte città turistiche della Danimarca puoi pernottare negli ostelli della catena Danhostel. Io li ho utilizzati e mi sono trovata molto bene: buon rapporto qualità-prezzo, pulizia, sicurezza e colazione di ottimo livello. A Odense proprio accanto alla stazione ferroviaria c’è il Danhostel Odense City.


19 cose da vedere a Odense in Danimarca
Ti è piaciuto? Salvalo su Pinterest!

Per approfondire:

Copenaghen: 15 cose da vedere a 3 gite fuori porta

12 cose da vedere a Fredericia

19 cose da vedere ad Aalborg

13 cose da vedere ad Aarhus

Città più belle da visitare in Danimarca

Cosa fare e vedere in Danimarca: consigli di viaggio e itinerari

4 Comments

Leave a Reply

4 Pings & Trackbacks

  1. Pingback:

  2. Pingback:

  3. Pingback:

  4. Pingback:

Lascia un commento

Avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.