in ,

Weekend a Venezia: consigli per un viaggio davvero low-cost

Consigli per un viaggio low-cost a Venezia

Consigli per un viaggio low-cost a VeneziaVenezia, come la maggior parte delle città italiane a forte vocazione turistica, è molto costosa ma risparmiare si può! Vediamo come.

Le “fregature” ai danni dei vacanzieri (in particolare se stranieri ma anche italiani, purtroppo!) sono all’ordine del giorno e non è difficile spendere molto più di quanto si era pianificato, a causa dell’ingenuità e “leggerezza” tipica del turista medio. In fondo a nessuno piace stare attenti al centesimo quando si viaggia, ma, quando i soldi in tasca scarseggiano, è bene seguire qualche regola di base.

Vediamo come evitare di trasformare un weekend a Venezia in un salasso, semplicemente pianificando bene il viaggio, visitando attrazioni e monumenti ad ingresso gratuito (o, comunque, low-cost) , scegliendo l’alloggio giusto e rispettando alcune norme di buon senso.

Venezia low-cost: le attrazioni da vedere con meno di 10 Euro

Chi l’ha detto che per visitare Venezia bisogna per forza spendere un patrimonio? Se sei uno di quei viaggiatori a cui non pesa rinunciare allo “sfizio” di prendere un caffè pagato a peso d’oro in Piazza San Marco, questi consigli di viaggio ti saranno certamente utili.

Un giro in Gondola a Venezia è una sorta di rito: praticamente tutti i turisti si concedono questo piacere.

Se non vuoi, però, essere costretto a pagare dagli 80 ai 100 Euro per ammirare Venezia dall’acqua puoi sempre optare per un giro sul vaporetto che attraversa tutto il Canal Grande. I costi non superano i 10 Euro e puoi scegliere tra due linee: il vaporetto 1, che fa più fermate ed è più lento, e il vaporetto 2, più rapido perché fa meno soste.

Sul vaporetto i bambini fino a 6 anni viaggiano gratis, un bel vantaggio se viaggi con figli al seguito.

Passiamo ora alla Basilica di San Marco, il monumento-simbolo della città. L’ingresso alla Basilica è gratuito. Sono a pagamento le visite accessorie: per vedere il Tesoro e la Pala d’Oro si spendono rispettivamente 3 e 2 Euro, costi, in fin dei conti, abbastanza accessibili.

Per salire sulla Loggia della Basilica di San Marco spenderai 4 Euro: ti assicuro che la veduta dall’alto sul Piazza San Marco e sulla laguna ti ricompenserà della piccola spesa.

Due valide alternative panoramiche per ammirare Venezia dall’alto sono la salita al campanile della Chiesa di San Giorgio (3 Euro) e la salita al campanile di San Marco (8 Euro).

Per quanto riguarda i musei, quelli accessibili a prezzi modici sono il Museo Storico Navale (1,55 Euro), la casa-museo di Carlo Goldoni (2,50 Euro) e il Museo Ebraico (3 Euro).

L’ingresso alla Ca’ d’Oro, uno dei palazzi storici più famosi di Venezia, costa 5 Euro. La Ca’ d’Oro è affacciata sul Canal Grande e, dal 1927, ospita la collezione di opere d’arte raccolta da Giorgio Franchetti nel corso della sua vita. Tra queste meritano menzione il San Sebastiano di Andrea Mantegna, la Venere alla specchio e la Giuditta di Tiziano, la Venere dormiente di Paris Bordone e una bella Pietà con due angioletti di Marco Palmezzano. Il museo ospita anche gran parte degli affreschi del Giorgione un tempo posizionati sulla facciata del Fondaco dei Tedeschi di Venezia.

Cosa fare e vedere gratis a Venezia: mini-guida low-cost alla città lagunare

A Venezia ci sono anche tante cose da fare e visitare gratis: ebbene sì, senza spendere neanche un Euro!

In quale altra città del mondo si può godere di vedute tanto sorprendenti e speciali come quella che, dal Ponte dell’Accademia, “abbraccia” il Canal Grande oppure la vista sul Ponte dei Sospiri dal Ponte della Paglia. Questi “quadri” viventi, con le Gondole in navigazione, i palazzi veneziani e il brulicare di vita della città lagunare, sono fruibili in maniera totalmente gratuita. Approfittane!

Lo stesso vale per tutte le calle del centro storico di Venezia, dove potrai passeggiare e perderti nei meandri di una città unica al mondo.

L’accesso a Piazza San Marco e alla Basilica omonima è gratuito. La piazza, di forma trapezoidale, è lunga ben 176 metri e larga quasi 60 metri. Passeggiando su Piazza San Marco, dando le spalle alla Basilica, potrai ammirare i monumenti più belli di Venezia: la Torre dell’Orologio e le Procuratie Vecchie (sulla destra), l’Ala Napoleonica (di fronte), le Procuratie Nuove e il Campanile (sulla sinistra). Uno spettacolo impareggiabile e completamente gratuito!

Sempre gratuitamente sono accessibili il Museo di Storia Naturale (Sala del Dinosauro) e il Museo Diocesano (che è ad offerta libera).

Tra le zone più suggestive di Venezia, spesso tralasciata dagli itinerari del turismo di massa, c’è quella del Ghetto Nuovo. L’antico quartiere ebraico di Venezia ha delle intriganti peculiarità architettoniche: l’accesso gratuito, consentito solo da due ponti, è una ragione in più per visitarlo.

L’ultimo consiglio per un viaggio low-cost a Venezia è la visita al Museo della Musica, una mostra permanente di strumenti musicali, ospitata all’interno dell’elegante Chiesa di San Maurizio.

Dormire low-cost a Venezia: appartamento o hotel?

Gli hotel a Venezia sono notoriamente molto costosi, in particolari quelli situati nel centro storico. Salvo offerte speciali, in genere i prezzi sono abbastanza elevati (e tendono a lievitare ancor di più in corrispondenza di eventi e festività).

Io ho pernottato a Venezia, trovando una buona offerta su Booking presso il Polo’s Treasure. Ne ho parlato nel post su dove dormire in centro a Venezia senza spendere troppo.

Una valida alternativa ad un soggiorno in un hotel nel centro storico di Venezia potrebbe essere la scelta di un appartamento: si sta comodissimi, si può cucinare e si risparmia decisamente! Per trovare un appartamento low-cost adatto alle tue esigenze nelle zone più centrali di Venezia ti consiglio di dare un’occhiata alle proposte del sito Airbnb: ce ne sono di tutti i tipi e per tutte le tasche.

 

Photo credit: howardignatiusCC

Ti è piaciuto? Condividilo!

Lucia D'Addezio

Written by Lucia D'Addezio

Viaggiatrice seriale, fotografa per passione e scrittrice compulsiva. Le cose che non mancano mai nella sua borsa sono: un fornito beauty case, la sua fedele macchina fotografica, carta e penna.

10 Comments

Leave a Reply
  1. Per quanto riguarda l’alloggio, un’ottima soluzione, soprattutto (ma non solo) per chi viaggia con Ryanair e atterra a Treviso, è proprio quella di dormire in questa città. Ha un centro storico molto carino, non è affollata ed è “a misura d’uomo”, con il treno si raggiunge Venezia in meno di 30 minuti (il biglietto è decisamente economico) e si ha poi la possibilità, noleggiando un auto o viaggiando in treno, di visitare anche Padova, Verona, Vicenza…

  2. Per dormire, consiglio anche il quartiere Giudecca. Io 3 anni fa ho alloggiato a Casa Genoveffa e mi sono trovato bene senza spendere un patrimonio e senza essere lontano dal centro…

  3. io vorrei segnalare che ci sono anche molte visite guidate gratuite. consiglio a tutti quelli che si recano a Venezia di fare un tour della città con i ragazzi dell’ associazione La Bussola – venice free tours. I tour sono gratis e ti portano a vedere parti della città che sulle guide nemmeno menzionano. il loro sito è http://www.venicefreetours.com .

  4. Ciao a tutti, ho trovato molto interessante questo articolo e seguendo le indicazioni dell’autrice ho passato un weekend fantastico a Venezia! 🙂 Per il mio soggiorno ho scelto una formula B&B presso Hotel Venice Resort che consiglio per la comodità e la vicinanza all’aeroporto di Venezia (io sono arrivato da Catania) e poi da lì mi sono spostato con i mezzi pubblici altrettanto validi.

  5. Spendo meno in un albergo!!!!! Ho dato un’occhiata ai prezzi degli appartamenti in affitto. Meno male che dovevano essere i piu’ economici

  6. Con 40/50 euro si può dormire alle spalle della stazione di mestre (marghera), 10 minuti da santa Lucia, treni a tutte le ore del giorno e della notte (spesso a pochi minuti uno dalla altro) al costo di meno di 2 eur

Lascia un commento

Avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Passione Vivente a Barrea, in Abruzzo

La “Passione Vivente” di Barrea: uno degli eventi cardine della Settimana Santa in Abruzzo

Visitare Corciano, uno dei Borghi più belli d’Italia e dell’Umbria