Borghi antichi in Abruzzo: quali visitare?


Stai per visitare l’Abruzzo? Leggi i miei consigli sui borghi più belli da visitare in questa regione. I borghi antichi sono una risorsa culturale incommensurabile per il nostro Paese ed una regione che ne è particolarmente ricca è l’Abruzzo.

I borghi da vedere in Abruzzo sono numerosi: cosa stai aspettando?

Basta spostarti solo di qualche chilometro dalle grandi città più conosciute in Abruzzo per ritrovarti catapultato in un mondo quasi del tutto estraneo alla contemporaneità, totalmente immerso in un fascinoso passato medievale.

I borghi abruzzesi da vedere sono molti: alcuni molto rinomati, alcuni un po’ meno conosciuti, ma tutti segni indelebili di un fortissimo legame culturale con il passato che poche regioni in Italia mantengono al giorno d’oggi.

Questo passato, fatto di guerre e di contese territoriali, è la causa principale della costruzione di veri e proprio paesi-fortino, arroccati sulle montagne come forma di difesa dagli attacchi esterni.

I borghi più belli da visitare in Abruzzo

I borghi erano in origine piccole fortificazioni abitate, sparse sul territorio e costruite su alture impervie, posizioni strategiche che aiutavano a mantenere il controllo territoriale e a difendersi dai nemici.

Percorrendo le strade che portano ai borghi medievali, il colpo d’occhio è proprio la forma chiusa su se stessa, le lunghe feritoie che si aprono sulle mura, le antiche porte di città, le torri, i castelli e i ruderi che si possono notare facendo un po’ di attenzione.

I borghi abruzzesi sono piccole enclavi di passato: la pietra viva con cui vennero costruiti secoli addietro oggi custodisce un mondo a sé, fatto di vicoli, ripide scale, splendide chiese e palazzi signorili (spesso decorati con affreschi, finestre bifore e stemmi di famiglie nobiliari).

Pettorano sul Gizio (L’Aquila)

Situato a pochi minuti da Sulmona, Pettorano sul Gizio è uno dei Borghi più belli d’Italia. Incorniciato dalle montagne, protetto in basso dal fiume Gizio e tutt’intorno dalle pendici ripide del colle su cui sorge, Pettorano ha conservato per secoli dei veri tesori architettonici.

pettorano sul gizio cosa fare luoghi da vedere borghi piu belli abruzzo

Pettorano sul Gizio (L’Aquila)

Nel centro storico del borgo ad ogni passo troverai uno spunto interessante, che si tratti di un portale antico, di una bifora adornata di vasi fioriti, di un prezioso battente che tante mani prima della tua hanno toccato, o, ancora, di un arco possente, di una fontana monumentale, delle mura di cinta secolari o di un balcone in pietra lavorata.

Città Sant’Angelo (Pescara)

Città Sant’Angelo è uno dei Borghi più belli d’Italia. In posizione strategica, su un piccolo promontorio a 322 metri di altitudine, Città Sant’Angelo si trova a pochi chilometri da Pescara. Ciò lo rende la meta ideale per una visita culturale durante le vacanze al mare sulla splendida costa abruzzese.

Ricco di monumenti e scorci da vedere, Città Sant’Angelo è anche famoso per la produzione di uno dei prodotti d’eccellenza dell’enograstronomia abruzzese, il Montepulciano d’Abruzzo.

Anversa degli Abruzzi (L’Aquila)

Uno dei borghi abruzzesi più conosciuti è Anversa degli Abruzzi. Il borgo è dominato dai ruderi del Castello dei Conti di Sangro, un antico castello normanno edificato nel XII e distrutto, secondo quanto viene tramandato, a causa di un incendio.

Fra le strette vie del borgo sono custoditi tesori inestimabili: alcuni esempi sono la Chiesa di S. Maria delle Grazie, del XVI secolo col suo portale rinascimentale del 1540, e la Chiesa di S. Marcello, del XI secolo, con un raffinato portale quattrocentesco.

Il borgo di Anversa è immerso in un paesaggio naturale tanto suggestivo quanto il paese stesso. Poco distante dal borgo, il fiume Sagittario scorre all’interno di un “canyon” e un altro piccolo borgo medievale, Castrovalva, giace qui silenzioso, come incastonato fra le rocce.

Penne (Pescara)

Penne è uno dei Borghi più belli d’Italia ma non vi troverai solo architetture medievali, palazzi rinascimentali, chiese antiche e vicoli caratteristici. La natura lussureggiante della Riserva Naturale del lago di Penne, infatti, è la porta di accesso ideale al Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga.

Cosa vedere a Penne (Abruzzo)

Penne (Pescara)

Natura, storia e cultura a Penne si fondono, rendendo il borgo una interessante meta da visitare durante un viaggio sulla costa abruzzese, dato che Penne è nel primissimo entroterra e dalla sommità del paese si scorge anche il mare.

Guardiagrele (Chieti)

«Guardiagrele, la città di pietra, risplendeva al sereno di Maggio. Un vento fresco agitava le erbe su le grondaie. Santa Maria Maggiore aveva per tutte le fenditure, dalla base al fastigio, certe pianticelle delicate, fiorite di fiori violetti, innumerevoli cosicché l’antichissimo Duomo sorgeva nell’aria cerulea tutto coperto di fiori marmorei e di fiori vivi.»

Così parlava, ne Il trionfo della morte, di Guardiagrele il poeta Gabriele D’Annunzio. Guardiagrele fa parte del circuito dei Borghi più belli d’Italia ed è conosciuto in tutto il territorio nazionale per la produzione di pregiati oggetti di artigianato in ferro, rame e oro. Il più famoso è la Presentosa, un gioiello tradizionale abruzzese indossato esclusivamente dalle donne diventato il simbolo più iconico della Regione.

Castrovalva (L’Aquila)

Castrovalva, anche se è poco conosciuto, è uno dei borghi più affascinanti in Abruzzo. Risale probabilmente al 1000-1100: durante il Medioevo fu feudo di diverse famiglie nobiliari, nell’Ottocento venne unificato ad Anversa (oggi ne è frazione) ed ad oggi conta una trentina di abitanti.

Alcune delle costruzioni medievali versano in stato di abbandono, tuttavia si conservano in ottimo stato ben tre chiese: la Chiesa della Madonna della Neve (XVI secolo), la Chiesa di S. Maria delle Grazie e la Chiesa di S. Michele Arcangelo (XII secolo).

Scanno (L’Aquila)

Un altro borgo da vedere in Abruzzo è Scanno, forse il più bello di tutti. Rinomato per la produzione della filigrana e del tombolo, Scanno è un vero gioiello a livello architettonico ed urbanistico.

scanno borghi da vedere in abruzzo

Scanno (L’Aquila)

Scanno offre all’occhio del visitatore moltissimi esempi di costruzioni medievali: le chiese e i palazzi nobiliari che si ergono lungo le sue viuzze sono molti, ma la particolarità di questo borgo è un’altra.

Passeggiando per i suoi vicoli, potresti incontrare una donna scannese in abiti tradizionali. Ricordati, poi, che in Agosto a Scanno viene rievocato il corteo nuziale antico, durante il quale le donne indossano il costume tradizionale delle feste. “Ju Catenacce” è uno degli eventi da non perdere in Abruzzo durante l’Estate.

Capestrano (L’Aquila)

Ai margini del Parco del Gran Sasso si trova, invece, Capestrano, borgo che si presenta tutto raccolto attorno al Castello dei Piccolomini d’Aragona, ancora in ottimo stato (è oggi sede del Municipio).

Il borgo di Capestrano offre una eccelsa commistione di architetture medievali e rinascimentali, e fra i suoi vicoli è possibile ammirare chiese molto antiche (S. Maria della Pace e S. Caterina) ed eleganti palazzi nobiliari.

Anche in questo caso, il borgo si trova in un contesto paesaggistico senza eguali e tutto il territorio circostante è costellato di mirabili esempi di arte e architettura medievale e rinascimentale. Se vuoi visitare Capestrano non dimenticare di recarti al Convento di S. Giovanni da Capestrano (XVI secolo) e nella Chiesa di S. Pietro ad Oratorium (datata 1100).

Nei pressi di Capestrano, ad Ofena, è stato ritrovato il cosiddetto Guerriero di Capestrano, una scultura che rappresenta un guerriero Piceno alta più di 2 metri. Il Guerriero di Capestrano, oggi conservato nel Museo Archeologico Nazionale d’Abruzzo di Chieti, è una delle più importanti opere di arte italica.

Pacentro (L’Aquila)

Anche Pacentro è stato inserito nel circuito dei Borghi più belli d’Italia e non si può davvero negare che sia dotato di un fascino unico. E’ uno dei miei borghi abruzzesi preferiti e probabilmente è quello che, insieme a Scanno, amo di più in assoluto.

Pacentro si trova nel Parco nazionale della Majella, ai piedi delle Montagne del Morrone. Il suo skyline è facilmente riconoscibile per la presenza del Castello Caldora (o Castello Cantelmo), una imponente fortificazione del XI-XIV secolo che, con i suoi enormi torrioni a base quadrata, domina dall’alto tutto il borgo di Pacentro.

I borghi da vedere nel Parco Nazionale d’Abruzzo

Oltre a quelli già citati, meritano una menzione i borghi antichi del Parco Nazionale d’Abruzzo.

pescasseroli abruzzo parco nazionale travel blog blogger luoghi da vedere borghi piu belli

Pescasseroli (Parco Nazionale d’Abruzzo)

Tra i borghi da visitare durante una vacanza nel Parco Nazionale d’Abruzzo c’è senza dubbio Barrea, insignita del titolo di Borgo autentico d’Italia.

barrea centro storico cosa vedere parco nazionale abruzzo

Barrea (Parco Nazionale d’Abruzzo)

Da non perdere nel Parco Nazionale d’Abruzzo ci sono anche Villetta Barrea, affacciata sul Lago di Barrea; Opi, uno dei Borghi più belli d’Italia; Civitella Alfedena, dove troverai anche tanti spunti per escursioni e passeggiate nel verde; Pescasseroli, vivace e ricca di attrattive, sia in Inverno che in Estate.

villetta barrea borghi da vedere in abruzzo

Villetta Barrea (Parco Nazionale d’Abruzzo)

Passare in rassegna tutti i borghi medievali abruzzesi è praticamente impossibile, perché sono moltissimi e ognuno presenta delle peculiarità che sarebbero da indagare in modo più approfondito.

Il fascino che accompagna questi borghi è difficilmente descrivibile a parole. Se vuoi visitare i borghi più belli d’Abruzzo scegli quello che preferisci e parti per intraprendere un emozionante viaggio “indietro nel tempo”.

(Visited 28.519 times, 8 visits today)
16 Comments
  1. micol 4 anni ago
  2. Lucia D'Addezio Lucia D'Addezio 4 anni ago
  3. raffaella 4 anni ago
  4. Massimo 4 anni ago
  5. Laura 3 anni ago
  6. Rosita 3 anni ago
  7. Monica 3 anni ago
  8. mara 3 anni ago
  9. Fernando 2 anni ago
    • Lucia D'Addezio Lucia D'Addezio 2 anni ago
  10. carlo 2 anni ago
    • Lucia D'Addezio Lucia D'Addezio 2 anni ago
  11. Caterina bassi 2 anni ago
  12. Mirko 1 anno ago
    • Lucia D'Addezio Lucia D'Addezio 1 anno ago

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *