Montefalco: vicoli medievali e tesori artistici nella “terra del Sagrantino”


Una bella giornata di sole e un dilagare di fiori praticamente su ogni davanzale e in ogni vicolo mi ha dato il benvenuto a Montefalco, uno dei borghi assolutamente da non perdere in Umbria.

A mezz’ora da Assisi, 50 minuti da Perugia e ad appena un quarto d’ora da Foligno, il borgo di Montefalco si trova in una delle aree paesaggistiche più affascinanti dell’Umbria.

Circondato da vigneti e uliveti, sinuose colline e altri borghi medievali di sicuro interesse per i turisti, Montefalco è una meta di viaggio irrinunciabile per tanti motivi: è considerato uno dei Borghi più belli d’Italia; qui si produce un vino DOCG famoso in tutto il mondo, cioè il Sagrantino; nei suoi immediati dintorni si possono visitare altri “gioielli” medievali umbri (primi fra tutti Bevagna, Spello e Trevi); si trova a breve distanza da Foligno, che è una delle città più belle dell’Umbria. Insomma, se capiti da queste parti, non farti sfuggire l’occasione di visitare Montefalco.

Cosa vedere a Montefalco in un giorno: un itinerario completo

Abitato sin dai tempi dei Romani, il borgo di Montefalco per come lo conosciamo oggi si origina dopo il 1249, data in cui fu praticamente raso al suolo dalle truppe di Federico II e immediatamente ricostruito dagli abitanti. A questi anni dobbiamo la definizione dell’assetto tipicamente medievale del borgo, oggi considerato uno dei più belli dell’Umbria.

Arrivato a Montefalco percorrendo la “Strada del Sagrantino” non potrai fare a meno di notare le infinite distese di uliveti e vigneti, ma anche la spettacolare veduta panoramica che si gode dall’altura dove sorge il borgo: dai belvedere di Montefalco si possono scorgere Perugia e Assisi, ma anche Spello, Bevagna, Trevi, Foligno e Spoleto, mentre all’orizzonte si stagliano il Subasio e i Monti Martani.

Appena fuori Porta San Francesco c’è un comodo parcheggio gratuito. Da qui inizia il mio itinerario a Montefalco. Entrando da Porta San Francesco e seguendo la strada principale in un paio di minuti si arriva alla chiesa di San Francesco, edificata tra il 1335 e il 1338 ed oggi convertita in Museo Civico. All’interno potrai vedere il ciclo di affreschi del Benozzo Gozzoli con le Storie di San Francesco, datato 1452, oltre ad una Natività di Pietro Vannucci (detto il Perugino) e ad altri notevoli affreschi di scuola umbra risalenti al Quattrocento. Nella adiacente Pinacoteca comunale, inoltre, sono raccolte opere di Francesco Melanzio, Antoniazzo Romano, Niccolò Alunno, Melozzo da Forlì e di altri artisti di scuola umbra dal Trecentto al Settecento.

Terminata la visita al Museo Civico, poco più avanti, ti troverai nel cuore storico di Montefalco. Sulla Piazza del Comune, di forma circolare, affacciano il Palazzo Comunale, edificato XIII secolo, con annesso un loggiato quattrocentesco ed una torre civica visitabile; l’ex-chiesa di San Filippo Neri, del XVIII secolo, oggi adibita a teatro cittadino; l’oratorio di Santa Maria in Piazza (XIII secolo) ed eleganti palazzi nobiliari del XVI secolo.

Montefalco: uno dei borghi più belli d'Italia

Il Palazzo Comunale di Montefalco (Umbria)

A breve distanza dalla Piazza del Comune puoi visitare anche la chiesetta di Santa Lucia e la chiesa di San Bartolomeo, percorrendo dei vicoli affascinanti, che probabilmente sono la componente più tipica e suggestiva di Montefalco e degli altri borghi medievali umbri.

Montefalco: uno dei borghi più belli d'Italia

Angoli fioriti nei vicoli di Montefalco (Umbria)

Montefalco: uno dei borghi più belli d'Italia

Abitazione a Montefalco (Umbria)

Montefalco: uno dei borghi più belli d'Italia

Architetture medievali nei vicoli di Montefalco (Umbria)

Proseguendo lungo il Corso di Montefalco, tra botteghe artigianali, negozi di prodotti tipici, bar e ristoranti, si raggiunge la chiesa di Sant’Agostino, costruita nella seconda metà del Duecento dove sorgeva un luogo di culto preesistente consacrato a San Giovanni Battista. All’interno della chiesa di Sant’Agostino furono attivi diversi pittori tra cui Ambrogio Lorenzetti e Bartolomeo Caporali. Molto carino anche il chiostro limitrofo, con ingresso libero.

Montefalco: uno dei borghi più belli d'Italia

Interni della Chiesa di Sant’Agostino a Montefalco (Umbria)

Montefalco: uno dei borghi più belli d'Italia

Interni della Chiesa di Sant’Agostino a Montefalco (Umbria)

Montefalco: uno dei borghi più belli d'Italia

Chiostro della Chiesa di Sant’Agostino a Montefalco (Umbria)

Alla fine della strada già si intravede Porta di Sant’Agostino (o Porta dello Stradone), che ti consiglio di attraversare: lascerai momentaneamente il centro storico medievale per affacciarti dalle mura fortificate.

 

Montefalco: uno dei borghi più belli d'Italia

Fortificazioni medievali a Montefalco (Umbria)

Ritorna nel centro storico e, percorrendo i vicoli di Montefalco in totale libertà, raggiungi la chiesa di Santa Chiara, costruita per volere della Santa stessa e che oggi custodisce le sue spoglie, conservate in una preziosa urna d’argento. Attraverso la Sagrestia della chiesa potrai accedere all’antica chiesetta di Santa Croce, decorata con affreschi trecenteschi realizzati da artisti di scuola umbra. Una curiosità: nel convento di Santa Chiara, dimora delle suore di clausura, si trova una di vite di Sagrantino di 150 anni, considerata la più vecchia di Montefalco e dell’Umbria.

Ovviamente non puoi lasciare Montefalco prima di aver sorseggiato un buon bicchiere di Sagrantino Passito o assaggiato i prodotti tipici d’eccellenza di questa zona dell’Umbria, quindi approfitta di un’ultima passeggiata per i vicoli del centro storico per un po’ di shopping e qualche degustazione.

Montefalco: uno dei borghi più belli d'Italia

Passeggiando tra i vicoli di Montefalco (Umbria)

Montefalco: uno dei borghi più belli d'Italia

Architetture medievali nei vicoli di Montefalco (Umbria)

Montefalco: uno dei borghi più belli d'Italia

Passeggiando tra i vicoli di Montefalco (Umbria)

Montefalco: uno dei borghi più belli d'Italia

Scorcio caratteristico a Montefalco (Umbria)

(Visited 5.641 times, 1 visits today)
2 Comments
  1. luca 8 mesi ago

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *