Calamita Cosmica: lo scheletro monumentale di De Dominicis a Foligno


So che molti di voi non l’avranno mai sentita nominare, ma a Foligno c’è una delle opere d’arte più controverse, oscure e avanguardiste dello scorso secolo. Sto parlando della “Calamita Cosmica” creata da Gino De Dominicis e attualmente ospitata nella Chiesa della Santissima Trinità in Annunziata.

La location settecentesca, con la Chiesa dell’Annunziata completamente svuotata per ospitare i 24 metri di lunghezza della gigantesca Calamita Cosmica, apparentemente dovrebbe stonare con la scultura modernissima di Gino De Dominicis (1947-1998) ma, sorprendentemente, non è così.

La Calamita Cosmica, dopo il suo “pellegrinaggio” in giro per l’Europa e per l’Italia alla ricerca di una “dimora” appropriata, ha trovato l’ambientazione ideale tra le pareti vuote della Chiesa della Santissima Trinità di Foligno e spero che qui resti anche nel prossimo futuro.

La Calamita Cosmica: lo scheletro umanoide con il becco da uccello

La Calamita Cosmica, titolo scelto per l’opera dal suo stesso creatore, è una scultura che rappresenta uno scheletro monumentale dalle fattezze antropomorfe, fatta eccezione per l’enigmatico becco da uccello che spicca al centro del viso in sostituzione del naso.

La scultura è stata realizzata in vetroresina, ferro e polistirolo, anche se Gino De Dominicis aveva ipotizzato di ricoprila interamente di oro zecchino, non portando, però, mai a compimento questa idea.

La Calamita Cosmica fu presentata per la prima volta al pubblico nel 1990, in occasione di una mostra antologica di De Dominicis presso il Centre National d’Art Contemporain, al Magazin di Grenoble. In questo contesto l’artista fece collocare l’enorme scheletro in un’ala isolata dello spazio espositivo, in modo tale che gli spettatori non potessero vedere l’opera da vicino, ma solo da un punto di osservazione unico, predefinito dallo stesso De Dominicis e posto dietro al cranio dello scheletro.

Attualmente, dopo essere stato esposto a Parigi, Roma, Bruxelles, Milano e molte altre città d’Europa, lo “scheletrone” (16,5 x 24 metri) si trova nella Chiesa della Santissima Trinità in Annunziata a Foligno, in via Garibaldi 153.

calamita cosmica gino de dominicis foligno travel blog blogger viaggi viaggiare umbria

La Chiesa è raggiungibile a piedi in pochi minuti dal centro storico della città umbra. L’ingresso costa 5 Euro (come segnalato nei commenti, perchè quando ci sono andata io era gratis) e l’esposizione è aperta anche di Domenica.

Qual è il significato della Calamita Cosmica di Gino De Dominicis?

Il nome di “Calamita Cosmica” deriva dall’esistenza di un rapporto profondo tra lo scheletro umanoide, creato in gran segreto da De Dominicis attorno al 1988, e il mondo cosmico attraverso un’asta dorata (che simboleggia una calamita o uno gnomone) che scandisce il tempo originario restando in bilico sulla falange della mano destra della creatura colossale.

calamita cosmica gino de dominicis foligno travel blog blogger viaggi viaggiare umbria

Il campo magnetico creato dall’asta pervade lo scheletro, che al contempo ne è creatore e fruitore.

calamita cosmica gino de dominicis foligno travel blog blogger viaggi viaggiare umbria

Il naso a becco d’uccello (forse ereditato dal topos comune a molte culture antiche dell’uomo-uccello preistorico) rende lo scheletro una sorta di mostrum monumentale, soprannaturale e certamente non umano. Ciò stimola in chi lo guarda un senso di inferiorità, di piccolezza umana, di pura devozione nei confronti della sacralità inaccessibile del sovrumano.

calamita cosmica gino de dominicis foligno travel blog blogger viaggi viaggiare umbria

Da sempre affascinato e sedotto dal mistero cosmico, dal rapporto problematico tra la vita e la morte, dal tema della creazione, dalla presenza di forza esterne all’umano come quella di gravità e dal significato della materia, De Dominicis fu definito “egli stesso un’opera d’ arte senza fine, originaria e carica di segreto” dal pittore tedesco Anselm Kiefer.

calamita cosmica gino de dominicis foligno travel blog blogger viaggi viaggiare umbria

Un’artista controcorrente, che per sua volontà rimase fuori dai circoli più patinati dell’arte del suo tempo. De Dominicis ironicamente affermava: “le mie opere spesso si sono rifiutate di partecipare alle grandi mostre.”

Molti aspetti della vita artistica e personale di Gino De Dominicis rimangono ancora avvolti nel mistero. Ciononostante la sua Calamita Cosmica è oggi considerata uno dei capolavori del XX secolo, così come altre opere da lui prodotte nel corso della sua esplorazione pittorica, scultorea e filosofica.

calamita cosmica gino de dominicis foligno travel blog blogger viaggi viaggiare umbria

Se vuoi vedere dal vivo la Calamita Cosmica, ti basta recarti a Foligno e lasciarti ammaliare dalla scultura di De Dominicis, terrificante, oscura ed intrigante al medesimo tempo. Una visita alternativa alla città di Foligno che di certo non ti lascerà deluso!

 calamita cosmica gino de dominicis foligno travel blog blogger viaggi viaggiare umbria

Attenzione! Dopo la segnalazione di Monica, una lettrice del blog, specifico che la visita alla Calamita Cosmica è possibile SOLO nei seguenti giorni: Venerdì, Sabato e Domenica con orario 10-13 e 15.30-19. Come segnalato da molti lettori nei commenti, inoltre, il costo del biglietto è di 5 Euro (l’ingresso non è più gratuito come un tempo ed è un vero peccato!).

(Visited 3.740 times, 1 visits today)
25 Comments
  1. Romina 3 anni ago
  2. Noemi 3 anni ago
    • Lucia D'Addezio Lucia D'Addezio 3 anni ago
      • Noe 3 anni ago
      • fabrizio 3 anni ago
        • Lucia D'Addezio Lucia D'Addezio 3 anni ago
  3. Nicola Ameritron 3 anni ago
    • Lucia D'Addezio Lucia D'Addezio 3 anni ago
  4. alessia 3 anni ago
  5. Tiziana 3 anni ago
  6. Letizia 3 anni ago
  7. monica 3 anni ago
    • Lucia D'Addezio Lucia D'Addezio 3 anni ago
      • monica 3 anni ago
        • Lucia D'Addezio Lucia D'Addezio 3 anni ago
          • monica 3 anni ago
  8. CARMEN 3 anni ago
  9. Franci 3 anni ago
  10. Eleonora 3 anni ago
    • Lucia D'Addezio Lucia D'Addezio 3 anni ago
  11. luna 3 anni ago
    • Lucia D'Addezio Lucia D'Addezio 3 anni ago
      • Claudia 3 anni ago
        • Lucia D'Addezio Lucia D'Addezio 2 anni ago
  12. Deangelo 2 anni ago

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *