San Quirico d’Orcia: mangiare i “Pici” ascoltando gli Smiths


Cosa vedere a San Quirico d'Orcia (Toscana)

Un viaggio on the road nella Val d’Orcia non può prescindere da una visita a San Quirico d’Orcia, un borgo piccolo ma affascinante, dove ho avuto modo di apprezzare le delizie della cucina tradizionale valdorciana.

In realtà la tappa a San Quirico è venuta un po’ per caso, dopo aver visitato Bagno Vignoni e con in mente Pienza come destinazione successiva.

Incontrando San Quirico sulla mia strada ho deciso di fare una sosta, con breve passeggiata nel centro storico prima dell’ora di pranzo.

I borghi della Val d’Orcia, anche se piccoli o poco conosciuti, hanno tutti qualcosa da offrire al viaggiatore più curioso ed attento, quindi non aver paura di lasciare da parte gli itinerari di di esplorare liberamente tutta la valle.

Cosa fare e cosa vedere a San Quirico d’Orcia

La prima cosa che noterai arrivando a San Quirico è la presenza di bellissime mura antiche ancora ben conservate. La porta orientale, chiamata Porta dei Cappuccini, è del XIII secolo ed è particolarmente pregevole sotto il punto di vista architettonico e decorativo.

Lo stesso vale per Porta Nuova, che però non conserva la sua struttura originale perché ha subito vari rimaneggiamenti nel corso dei secoli.

Altro capolavoro da vedere a San Quirico è la Collegiata di San Quirico e Giulitta, posizionata in uno degli angoli più suggestivi del borgo. Se hai con te la macchina fotografica, questo è il momento di tirarla fuori!

E che dire degli incantevoli Horti Leonini: un giardino all’italiana in stile rinascimentale realizzato attorno al 1500 in onore di Diomede Leoni, al quale Francesco I dei Medici regalò il terreno su cui sorgono.

Tra gli edifici meritevoli di menzione ci sono anche Palazzo Chigi Zondadari, del XVII secolo, e il Palazzo Pretorio.

In linea generale, comunque, il mio consiglio è quello di mettere da parte gli itinerari fissi e di lasciarsi trasportare dal “caso”: passeggia per il centro storico e goditi non solo i monumenti più importanti, ma tutti gli scorci, i panorami e le case antiche che fanno di San Quirico uno dei borghi più belli della Val d’Orcia.

Pranzare a San Quirico d’Orcia: dove e cosa?

Dato l’avvicinarsi dell’ora di pranzo, ho scelto casualmente un ristorante in pieno centro a San Quirico d’Orcia, Ristorante degli Archi, e mi sono rifocillata.

Il caso ha voluto che il ristorante scelto fosse una vera “perla” di bellezza: l’ingresso principale mi ha condotta in un porticato interno, dove era possibile mangiare all’aperto (ma lontano dalla strada) circondata da vegetazione rampicante e da mura antiche in mattoncini. La colonna sonora ha dato il tocco finale: un album degli Smiths ha deliziato il pranzo tanto quanto la cucina locale.

Nella Val d’Orcia non puoi fare a meno di assaggiare il piatto forte della zona, cioè i “Pici”, una pasta fatta in casa allungata e arrotolata su sé stessa. Io ho assaggiato i “Pici Cacio e Pepe” mentre le amiche che mi hanno accompagnato in questa gita hanno preso i “Pici all’Aglione”. Il tempo di un caffè e di un dessert ed era già ora di rimettersi in marcia verso Pienza.

(Visited 2.040 times, 1 visits today)
8 Comments
  1. Marcella 4 anni ago
  2. Lucia D'Addezio Lucia D'Addezio 4 anni ago
  3. Festina Lente 4 anni ago
  4. Paolo Filone 4 anni ago
  5. Mara 4 anni ago
  6. Massimo 4 anni ago
    • Lucia D'Addezio Lucia D'Addezio 3 anni ago
  7. Monica 3 anni ago

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *