Visitare Riga in un giorno: le cose da non perdere


Se hai scelto Riga, la Capitale della Lettonia, come meta per la tua prossima vacanza, ecco qualche consiglio su cosa visitare e cosa fare in questa splendida città.

Io ci sono andata per lavoro la prima volta e ho avuto solo un giorno per esplorarla. Per questa ragione ho dovuto “sintetizzare” l’itinerario di cose da vedere.

Queste sono le attrazioni che ritengo essenziali durante una visita a Riga. Ovviamente molto dipende dal periodo in cui visiterai Riga, dai mezzi con cui vuoi spostarti e dal tempo che hai a disposizione, comunque puoi considerare questa guida come una buona base per stilare un itinerario di viaggio a Riga.

Cosa vedere e cosa fare a Riga in 24 ore

Il primo passo, soprattutto se hai davvero poco, pochissimo tempo, è andare subito nella Città Vecchia, la parte più antica e affascinante di Riga. Qui devi assolutamente vedere il Duomo di Riga, la Casa del Gatto, la Casa delle Teste Nere e i Tre Fratelli.

Tutti questi edifici, in un peculiare stile barocco con reminescenze gotiche e Art Nouveau, ruotano attorno alla principale Piazza del Municipio, il cuore artistico e architettonico di Riga. Ti consiglio di visitare anche la Cattedrale di San Peter e di salirvi in cima per ammirare un panorama mozzafiato sulla città.

Lo step successivo sono due simboli della Capitale lettone, cioè il Monumento della Libertà, che commemora l’indipendenza dall’odiata Russia ed è sorvegliato dalle guardie in divisa, e il Palazzo dell’opera.

Il Castello di Riga è sicuramente una delle tappe obbligatorie che ti propongo di andare a vedere. Il Castello oggi è sede della Presidenza della Repubblica della Lettonia.

riga cosa fare cosa vedere visitare riga lettonia latvia attrazioni guida consigli viaggio travel blog

Un’altra bellezza imperdibile di Riga è la Torre delle polveri, risalente al XIV secondo e che oggi ospita il Museo della guerra. La Torre delle polveri è l’unica superstite di una serie di fortificazioni costruite dagli Svedesi tutt’intorno alla città vecchia come protezione dagli attacchi esterni.

Per quanto riguardo invece i quartieri, il Ghetto ebraico di Riga, situato alla periferia di Maskavas, è una vera meraviglia architettonica, tutta da esplorare. Un tempo ad ingresso vietato per gli abitanti di Riga in quanto nell’area erano stati forzatamente concentrati gli ebrei, l’area del Ghetto ebraico oggi è visitabile: è stata ristrutturata ed è una memoria fisica indelebile delle atrocità subite dal popolo ebraico durante la Seconda Guerra Mondiale. L’ex-ghetto oggi ospita anche una scuola elementare ebraica, la prima dell’Europa dell’est.

riga cosa fare cosa vedere visitare riga lettonia latvia attrazioni guida consigli viaggio travel blog

I musei di Riga (se fuori piove o fa freddo)

Tieni presente che a Riga ci sono ben 30 musei e quindi sceglierne uno è abbastanza difficile: sono tutti interessanti e ben organizzati, quindi opta per quello più compatibile con le tue passioni e i tuoi interessi. Magari approfitta di una visita al museo se fuori piove o fa freddo, cosa molto comune da queste parti.

Se vuoi conoscere meglio la cultura e la storia della Lettonia, per esempio, puoi recarti al Museo di storia lettone. Non andare però né la domenica né il lunedì perché il museo è chiuso.

riga cosa fare cosa vedere visitare riga lettonia latvia attrazioni guida consigli viaggio travel blog

Un altro museo che ritengo dovrebbe far parte del tuo itinerario di viaggio a Riga è il Museo della fotografia.

riga cosa fare cosa vedere visitare riga lettonia latvia attrazioni guida consigli viaggio travel blog

Ricordati che Riga non è una città caotica, non è una metropoli, ci si diverte ma non c’è la “movida”. Non siamo a Ibiza, per intenderci! In compenso è molto tranquilla, rilassante e piacevole da visitare durante una passeggiata libera da percorsi predefiniti e soste obbligate. E’ una città che posso consigliare a tutti, anche alle famiglie con bambini piccoli. Buon viaggio!

(Visited 4.017 times, 5 visits today)
7 Comments
  1. Lifest.99 4 anni ago
  2. anna cascino 4 anni ago
  3. Manuela 4 anni ago
  4. Lucia D'Addezio Lucia D'Addezio 4 anni ago
  5. Rita 4 anni ago
  6. Cristina Giordano 4 anni ago
  7. betty 2 anni ago

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *